Logo Upli › Uniti per le imprese › Anatocismo - Usura Bancaria

Il Leasing

Il leasing è un contratto di locazione finanziaria con cui una parte (concedente) concede in godimento all’altra (utilizzatore) un bene mobile o immobile, strumentale alla propria professione o attività imprenditoriale, dietro pagamento di un corrispettivo periodico e per un determinato periodo di tempo, alla scadenza del quale la parte che ha in godimento il bene può restituirlo o divenirne proprietario pagando la differenza tra quanto già versato e il valore del bene.

Il contratto di leasing è strutturato intorno a tre soggetti: la società concedente, il cliente (utilizzatore del bene) e il fornitore. In questo rapporto, la società di leasing si configura come mero ente finanziatore e, dunque, non assume responsabilità circa l’ utilizzazione del bene. Il leasing presuppone che la società concedente acquisti il bene richiesto e lo dia in locazione all’utilizzatore, che dunque – per tutta la durata del contratto – non ha la proprietà sul bene, ma solo la disponibilità e la facoltà di utilizzarlo.

Le principali anomalie rilevabili nei contratti di leasing sono le seguenti:

  • usura pattizia/originaria;
  • usura sopravvenuta per i leasing stipulati prima del ’97;
  • indeterminatezza delle condizioni (L.154/92);
  • discrasia tra taeg indicato in contratto e quello realmente applicato;
  • costi occulti che determinano un aumento notevole del teg;
  • applicazione di oneri non dovuti.

Contattaci per maggiori informazioni

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Associazione Uniti Per Le Imprese - Via del Serra 21 - 05100 Terni (TR) - Tel. 335/216232 – 0744/462624